L'italia supporta la tunisia nel periodo più difficile

L’Italia ha donato oggi 1,5 milioni di dosi di vaccino alla Tunisia. Il paese della sponda sud del Mediterraneo attraversa una difficile crisi sanitaria, politica ed economica. La scorsa settimana, dopo mesi di proteste, il presidente Saied ha deciso di esautorare il governo e di congelare il parlamento. L’economia del paese è in ginocchio: basti pensare che il solo settore del turismo, che contribuisce per oltre il 10% del PIL nazionale, l’anno scorso si è contratto addirittura del 98%. Nel paese la pandemia ha provocato oltre 20mila decessi e la Tunisia sta attraversando in queste settimane la peggiore ondata di Covid.
 
I nostri due paesi hanno rafforzato i rapporti bilaterali a partire dalla “Rivoluzione dei Gelsomini” avvenuta in Tunisia nel 2010-2011. Nel paese africano vivono circa 4mila cittadini italiani e la comunità tunisina in Italia conta più di 140mila persone. Il nostro paese è il secondo partner commerciale della Tunisia, nel paese operano 800 imprese italiane e nel solo 2018 l’interscambio commerciale è stato di 5,9 miliardi di euro. Per l’Italia è oggi fondamentale rafforzare la collaborazione e il sostegno al popolo tunisino, proprio a partire dalla lotta alla pandemia.
 
La Tunisia così come tutti i paese della sponda sud del Mediterraneo rappresentano per noi partner strategici con cui dobbiamo rafforzare il dialogo politico, economico, educativo e culturale. L’Italia è al centro del Mediterraneo ed è proprio il mare che ci unisce a questi paesi, ponendoci davanti a sfide da affrontare e opportunità da cogliere.
Sul tema della crisi tunisina, qui trovate la mia intervista su Radio Radicale del 29 luglio 2021
Francesco Berti

Francesco Berti

Portavoce M5S Camera

Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email