Pa: intergruppo next generation,
2 dipendenti su 100 under 30.
Dobbiamo valorizzare i neolaureati

Le nuove generazioni, che hanno subito la doppia crisi del 2009 e del Covid-19, devono avere la possibilita’ di entrare nella Pubblica amministrazione italiana.
Il nostro Paese e’ drammaticamente indietro rispetto al resto d’Europa e non solo. A fronte di una media OCSE di 18 dipendenti pubblici su 100 sotto i trent’anni, in Italia ne abbiamo soltanto 2 su 100. In Francia ben 21 e in Germania addirittura 30. Occorre trovare un equilibrio ragionevole per evitare di dare troppo peso ai titoli post-laurea e all’esperienza maturata, altrimenti taglieremo fuori centinaia di migliaia di neolaureati dalla Pubblica amministrazione. Per questo abbiamo chiesto un incontro al ministro Brunetta.

Deputati e deputate dell’Intergruppo parlamentare Next Generation Italia per l’equita’ intergenerazionale e le politiche giovanili: Francesco BERTI (M5S), Massimo Ungaro (IV), Manuel Tuzi (M5S), Eugenio Comincini (IV), Erica Rivolta (Lega), Piero De Luca (PD), Luigi Iovino, Marialuisa Faro, Sabrina De Carlo, Anna Laura Orrico, Federica Dieni, Vita Martinciglio, Elisa Scutella (M5S), Chiara Gribaudo e Enza Bruno Bossio (PD), Alessandro Cattaneo (FI), Azzurra Cancelleri, Maria Pallini, Angela Lanaro (M5S), Marco Di Maio e Daniela Sbrollini (IV), Luca Toccalini (Lega), Teresa Manzo e Carmen Di Lauro (M5S).

Francesco Berti

Francesco Berti

Portavoce M5S Camera

Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email